Schopenhauer e la Lebensphilosophie

 

 

Schopenhauer e la Lebensphilosophie

 

 

  a cura di Fabio Ciracì e Armando Mascolo

 

 

 ISBN978-88-6647-247-6  

  

 

 

Sorta in Germania sul finire del XIX secolo e successivamente sviluppatasi in tutta Europa, la Lebensphilosophie è una corrente filosofica nata come reazione al positivismo e all’idealismo allora imperanti. Le origini di tale movimento risalgono al primo romanticismo tedesco, in particolare a Friedrich Schlegel che, nel saggio del 1827 intitolato Philosophie des Lebens, ne getta le principali basi teoriche riaffermando, contro lo schematismo tipico dell’idealismo, la centralità della vita quale fondamento della persona umana. Un contributo decisivo alla diffusione della Lebensphilosophie si deve all’opera di Arthur Schopenhauer, la cui scoperta della “volontà di vita” come principio essenziale e irrazionale della realtà ha saputo imprimere un nuovo impulso in senso vitalistico al pensiero europeo. In occasione del bicentenario della pubblicazione del Mondo come volontà e rappresentazione (1819), il presente volume intende dunque analizzare i nuclei teorici fondamentali della riflessione schopenhaueriana facendola dialogare con alcuni dei principali rappresentanti della Lebensphilosophie tra i quali Nietzsche, Kierkegaard, Freud, Dilthey, Simmel, Bergson, Unamuno e Mainländer, a testimonianza di quanto il pensiero di Schopenhauer abbia profondamente inciso nel definire i caratteri salienti della filosofia della vita.

20,00 €
nel carrello
  • disponibile
  • spedizione in 1-3 giorni1